martedì 10 ottobre 2017

Il progetto “LIBERA NOS IN CAMPO” di GAsolo 
Cereali antichi a scuola: una prima esperienza

Scrive Christian Tonello

La maestra Giovanna mi chiese, all’inizio dello scorso anno scolastico, di aiutarla a fare l’orto con i suoi bambini di 1° elementare di Fonte Alto. Convenimmo che era importante partire dai semi e vedere allo scorrere dei giorni e delle stagioni lo sviluppo delle piante sino al frutto. Ma quali verdure potevamo scegliere? Quali compivano l’intero ciclo di sviluppo fra ottobre e giugno dell’anno successivo ? I piselli… e poi ?
E poi fu qui che mi venne l’idea di proporgli i CEREALI: semina a ottobre, riposo invernale della giovane piantina, ripresa dello sviluppo sino alle spighe… prima della fine della scuola.
Giovanni (Ballestrin) ci fornì i semi di Farro, Orzo, Frumento Gentil rosso e frumento Verna.
I bimbi zapparono, misero con le loro mani i semi in terra… guardammo al microscopio i piccoli germogli… gentil rosso e verna divennero personaggi mitici nella testa di qualche bambino…

A primavera inoltrata Giovanna, saputo del nostro progetto cerali antichi, buttò lì la proposta di portare i bimbi nei campi a casa mia dove Giovanni coltiva i cereali. 




















E perché non andare da Ruggero (Zamattia) a vedere la macina e la farina che esce ? Beh : allora chiediamo a Carlo della pizzeria da Ludovico, papà di una bambina della classe, di farci le pizze con queste farine !

Giornata memorabile a conclusione dell’anno scolastico. Escursione a piedi con me dai nostri campi, con Giovanni che mostra loro le coltivazioni, e poi lungo la valle del Ru sino al maglio di Pagnano e salita da Ruggero che mette in opera il mulino ed esce la farina… pizza finale con pasta di farro monococco e gentil rosso.

Ancora adesso i bimbi la ricordano come la “gita del grano”…
rimarrà qualcosa di questi semi in loro ? Passerà qualche seme di curiosità nei loro genitori ?
E l’amore fra il principe Gentil rosso e la selvaggia Verna com’è andato ?
boh boh boh…


domenica 1 ottobre 2017



ColtiviAMO futuro in festa


lunedì 31 luglio 2017

ColtiviAMO Futuro incontra i Sindaci

Coordinamento ColtiviaAMO Futuro GAMP 
    Con Crespano del Grappa è già stato avviato nelle scorse settimane un dialogo diretto con le Amministrazioni Comunali. Pochi giorni fa quelle di Asolo e San Zenone hanno incontrato una nutrita delegazione del Coordinamento.

    L'amministrazione di S Zenone si è come sempre dimostrata sensibile verso la tutela dell'ambiente e della salute dei cittadini e disponibile alle proposte del Coordinamento riguardanti ad esempio i controlli sull'uso corretto dei PF che dovrebbero essere finanziati dagli agricoltori che inquinano e non dalla collettività. Anche la richiesta del Coordinameto di definire norme urbanistiche per limitare la quantità di terreno a monocoltura è stata condivisa pur con qualche riserva sulle fattibilità.

    Le cose sono invece andate diversamente con Asolo dove l'interesse dell'amministrazione verso le proposte del Coordinamento non è stato certo tra i migliori; dopo i primi, poco convincenti, interventi di sindaco e vice sindaco improntati al "non preoccupatevi, ci stiamo già pensando noi" l'acceso dibattito si è concluso con una riluttante disponibilità dell'amministrazione comunale a collaborare con il Coordinamento nei lavori di preparazione del PAT e nel miglioramento del regolamento dei fitofarmaci. L'esito dell'incontro di Asolo non scoraggia minimamente il Coordinamento che è determinato più di prima a portare avanti una importante e vitale battaglia per la salute dei cittadini e la tutela dell'ambiente, come sempre con spirito costruttivo nell'interesse comune. 


    Dal Comune di Volpago del Montello, il Coordinamento ha ricevuto il formale invito a partecipare alla fase di concertazione per il PI (Piano degli interventi).

    Il Coordinamento come già dichiarato, chiede ai Comuni: di arginare l'espansione della monocoltura a vigneto; di riscrivere il regolamento fitofarmaci imposto dal Consorzio Docg ai sindaci, coinvolgendo stavolta anche i cittadini; di far rispettare le zone del territorio sottoposte a vincolo ambientale o paesaggistico; di favorire il passaggio in tempi brevi dell'intera DOCG alla coltivazione con metodo biologico; di garantire da subito dei veri controlli nell'utilizzo dei pesticidi.


    ColtiviAMO Futuro infine, saluta la diciottesima adesione: quella dei "Nutrizionisti Per l'Ambiente". 

    Molto signicativa la motivazione dell'adesione espressa dall'associazione professionale, che riportiamo integralmente: <<Il nostro gruppo si occupa di ricerca e divulgazione di un'alimentazione sana e ci basiamo sulle evidenze scientifiche ufficiali che legano gli alimenti ai territori ed alle pratiche colturali. Sosteniamo infatti che la biodiversità delle specie, delle razze, delle cultivar e delle ricette sia una ricchezza per il benessere personale. Riteniamo che un'alimentazione le cui fonti sono trattate con prodotti chimici che non rispettano gli equilibri locali di biodiversità e che necessitano di dispendi energetici non sostenibili presenta maggiori rischi diretti ed indiretti per la salute. Per questo Nutrizionisti Per l'Ambiente sottoscrive le richieste e le proposte del Coordinamento ColtiviAMOfuturo.>>


    ColtiviAMOfuturo

     

    martedì 4 luglio 2017

    lunedì 26 giugno 2017

    Apertura del Moffe - Monnezza Film Festival

    Anche quest'anno il GASolo ha collaborato con la tradizionale rassegna del cinema d'autore organizzata da Arianova.
    Quest'anno le proiezioni sono iniziate nel giardino dei nostri soci Stefano e Heidi. Si ringraziano tutti i soci del  GASolo che hanno collaborato per la realizzazione della serata e hanno deliziato con squisiti dolci e biscotti il ricco buffet finale.
    Invitiamo tutti a non perdere le prossime proiezione del MOFFE consultando qui il programma http://www.moffe.it/